Quella centrale nucleare italiana di cui non si parla: Il centro ENEA di Brasimone

Pubblicato: 15 marzo 2011 in Res Publica, Scienze

Sono giorni di fuoco per tutto quello che riguarda l’energia atomica. Il terremoto in Giappone può rappresentare un nuovo stop al programma nucleare italiano, cosa che evidentemente non va bene al Governo e ai suoi amici, già pronti a spartirsi i miliardi di euro di future commissioni.

Quello che viene però taciuto è che pare (il condizionale è d’obbligo) che in Italia ci sia ancora una centrale nucleare in funzione, seppure per scopi scientifici. Sto parlando del centro ENEA del Lago di Brasinone, sull’Appennino settentrionale al confine tra le provincie di Bologna e Pistoia. In questa centrale è presente un reattore sperimentale dagli anni ’70 e nel complesso vengono svolte ricerche sulla fusione nucleare. L’inizio di queste ricerche è stato causato dal referendum dell’87 post-Chernobyl. Il sito ufficiale ad oggi però non parla di uno spegnimento o cessazione del funzionamento del reattore (cfr. link) ma solo di una generica “riconversione” di uomini e risorse.

Si sa, nella maggior parte dei casi contano non le cose che si dicono, ma quelle che non vegono dette. Non voglio pensare male e spero che in questo centro si faranno importanti scoperte sulla fusione nucleare, ma quando non si parla di una cosa, in Italia, non sempre è un buon segno.

Essere informati è un diritto, essere disinformati è una prassi dell’autoritarismo e una prevaricazione della libertà di un popolo.

Annunci
commenti
  1. nax ha detto:

    non so se al brasimone esista o meno un reattore in fuzione so che ad ottobre 2010 sono stati riaccesi 2 reattori sperimentali a casaccia vicino roma ma ovviamente nessuno ne parla

  2. Diego Cinelli ha detto:

    è una cosa fuori da ogni logica. Cercherò di dare diffusione anche io di questa cosa…

  3. Minatore ha detto:

    Alla centrale nucleare del Brasimone stanno conducendo delle ricerche sull’utilizzo delle barre d’uranio all’interno di piombo fuso. Il piombo fuso, nel caso di un’esplosione, raffreddandosi si trasformerebbe in un contenitore stagno per le scorie radioattive.
    Ovviamente in via sperimentale non utilizzano barre d’uranio per l’elevato costo (o perchè addirittura non ne hanno), ma stanno utilizzando delle resistenze elettriche che simulano l’energia che deriverebbe dalla fusione dell’atomo di uranio.

    Questo è quello che ho saputo tramite esperienza (più o meno) diretta. Ci sono circa 50 persone, dipendenti Enea che operano all’interno della centrale.

  4. hack ha detto:

    ciao a tutti io abito in un paesino mooolto vicino alla suddetta centrale, io sono contro al nucleare e volevo informarvi all’interno non c’è al momento e non c’è mai stato il nocciolo nè combustibile nucleare!! lo so per certo visto ke ho avuto una visita guidata all’interno della struttura e conosco gente che ci abita vicino e ha lavorato all’interno!

  5. Alessandro ha detto:

    Ragazzi non scherziamo. So per certo che tutti gli impianti di sperimentazione simulano le barrette di combustibile con “semplici” resistenze elettriche. Non ci credete? il 3 luglio c’è il 100° anniversario della diga del Brasimone ed in quella occasione, la mattina, il centro verrà aperto ai visitatori. Potrete vedere la maggior parte degli impianti e purtroppo, la decadenza di questa struttura che nonostante tutto tira fuori buoni risultati dalle campagne di sperimentazione. Tutta la struttura non è mai stata ultimata ed ora come ora non sarebbe nemmeno terminabile visto l’avanzante decadimento.

  6. Omissis ha detto:

    …e intanto però nei paesi limitrofi alla centrale la gente continua a morire di cancro in percentuale altissima…sarà l’aria di montagna???

  7. Diego Alberto ha detto:

    Sarà sicuramente colpa delle fissioni nucleari che al Brasimone non ci sono mai state…
    Ridicolaggine!

  8. Cristian ha detto:

    Non credo si debba fare supposizioni su aree di cui non si conoscono realmente i fini, comunque di centrale “NUCLEARE” ed altre supposizioni sono state create molte leggende ecc.: la struttura veramente è decadente quindi non credo che in quelle condizioni si possa pensare di tenerci un nocciolo od altro, però in questo paese è anche vero che non bisogna mai dare nulla per scontato! Per il momento è solo un centro ENEA – ove si ricercano nuove tecnologie per l’energia eco-sostenibile, il resto lascia un po il tempo che trova.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...