Il disastro in Giappone e il principio del “io speriamo che me la cavo”

Pubblicato: 14 marzo 2011 in Res Publica

Ogni volta che accade qualche disastro parte sempre il valzer delle rassicurazioni: la popolazione deve stare calma, gli stati confinanti possono stare tranquilli, andrà tutto bene, i danni sono limitati, scongiurato il rischio di una catastrofe ecc ecc.

Anche per la centrale nucleare di Fukushima, pesantemente danneggiata dal terribile terremoto di qualche giorno fa, sta avvenendo la stessa cosa. Nel corso della giornata odierna ecco l’elenco delle dichiarazioni (fonte: ilfattoquotidiano.it) ufficiali riguardo un possibile, serio, incidente nucleare:

  • 9.45 – Fukushima, due reattori fuori pericolo
  • 10.51 Ue: convocata per domani un riunione di esperti sulla sicurezza nucleare. “Nessuna conseguenza immediata in Europa per radiazioni” (simpatico l’aggettivo “immediata”)
  • 12.06 – Fukushima, fallito il tentativo di raffreddamento del reattore 2 Sarebbe fallito il tentativo di raffreddare con acqua marina il reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima 1. A riferirne sono i media nipponici, precisando che le barre di combustibile già non sono più completamente coperte da liquido di raffreddamento. Il sistema di raffreddamento del reattore si era bloccato alcune ore fa.
  • 12.20 – Fukushima, barre di combustibile nucleare totalmente esposte Le barre di combustibile nucleare nel reattore n.2 della centrale di Fukushima n. 1 sono totalmente esposte. Lo ha annunciato la società che gestisce l’impianto, la Tepco, secondo quanto riportato dall’agenzia Kyodo news. A questo punto, il rischio di fusione delle barre di combustibile non può essere escluso.
  • 12.38 – Fukushima, rischio di fusione del reattore numero 2 Non si può escludere una fusione nel reattore numero due dell’impianto nucleare di Fukushima-Daiichi: lo scrive l’agenzia di stampa nipponica Jiji, che cita la società proprietaria della centrale, Tepco. Il circuito di raffreddamento del reattore da ore ha cessato di funzionare e il livello dell’acqua è talmente basso che le barre di combustibile nucleare sono al momento totalmente esposte, spiega l’agenzia. I tecnici della centrale di Fukushima hanno cominciato a pompare acqua sulle barre esposte del reattore 2 della centrale n. 1 per cercare di raffreddarle.
  • 13.18 – Fukushima, Tepco non esclude la fusione parziale del reattore numero 2 La compagnia che gestisce l’impianto di Fukushima (la Tepco) non esclude la fusione parziale delle barre di combustibile del reattore numero due della centrale nucleare di Fukushima, rende noto l’agenzia di stampa Kyodo. In seguito a un guasto dell’impianto di raffreddamento dell’impianto, e di un privo tentativo fallito di immettere acqua marina nel nucleo del reattore, le barre sono rimaste esposte “brevemente”, come ha precisato un portavoce della prefettura di Fukushima. Il portavoce del governo giapponese, Yukio Edano, ha reso noto che il pompaggio di acqua marina ha iniziato a funzionare.
  • 13.28 – Fukushima, contaminato dipendente dopo l’esplosione nel reattore 3  Un dipendente è rimasto contaminato in seguito all’esplosione avvenuta oggi al reattore numero 3 dell’impianto di Fukushima. Lo ha riferito la TEPOC (Tokyo Electric Power Co), spiegando che è rimasto esposto a radiazioni un dipendente di 23 anni dopo l’esplosione dovuta a una concentrazione massiccia di idrogeno.
  • 13.49 – Fukushima, Tepco: “Barre di combustibile nucleare forse parzialmente fuseLe barre di combustibile al reattore numero 2 dell’impianto atomico di Fukushima-Daiichi potrebbero essersi parzialmente fuse. L’ammissione arriva dalla società che gestisce l’impianto nipponico, la Tepco, citata dall’agenzia Kyodo.
  • 13.50 – Fukushima, Governo: “E’ improbabile una grossa esplosione al reattore 2″  “E’ improbabile che si verifichi una grossa esplosione al reattore n 2 della centrale nucleare di Fukushima n.1″. Lo ha annunciato il portavoce del governo giapponese Yukio Edano, secondo quanto riportato dall’agenzia Kyodo, precisando che proseguono i lavori per stabilizzare la situazione del reattore n2 della centrale.

La cosa che più mi fa incazzare è la crescente gravità delle dichiarazioni nell’arco di una sola mattinata. Come sempre chi sa, tace. Da non trascurare è il ritiro della settima flotta americana dalla zona vicina alla centrale nucleare. Se gli americani se ne vanno, sta succedendo qualcosa di grosso. Vedremo cosa accadrà nel pomeriggio, ma se l’andazzo è questo, c’è davvero da preoccuparsi. Ecco il link del Corriere che spiega cosa succede in caso di esposizione delle barre di combustibile nucleare (consigliata la lettura): link

Nel frattempo, state tranquilli.

EDIT con aggiornamenti:

  • 14.09 – Fukushima, barre scoperte in tutti e tre i reattori della centrale 1 Le barre di combustibile sono rimaste scoperte, ossia non interamente sommerse dall’acqua di raffreddamento, in tutti e tre i reattori della centrale di Fukushima 1 che erano attivi al momento del terremoto di venerdì scorso. Lo ha reso noto la stessa società che gestisce l’impianto, la Tepco, ma secondo esperti di sicurezza nucleare le due esplosioni di idrogeno che hanno interessato due reattori della centrale (il numero 1 e il numero 3) inducono a ritenere che anche in essi le barre di combustibile siano rimaste scoperte per un periodo sufficientemente prolungato da innescare la reazione metallo-acqua, con conseguente produzione di idrogeno.
  • 15.27 – Fukushima, l’esposizione delle barre è durata due ore, fusione molto probabile Le barre di combustibile al reattore numero due dell’impianto atomico di Fukushima-Daiichi sono rimaste completamente esposte all’aria per due ore e mezzo; una situazione che con ogni probabilità ha innescato il surriscaldamento e la fusione del nucleo del reattore. Le barre sono rimaste esposte perché una pompa antincendio che versava l’acqua del mare nel reattore per raffreddarlo è rimasta a corto di carburante. L’iniezione di acqua marina è iniziata alle 16:34 (ora locale), ma i livelli di acqua nel reattore numero due sono caduti bruscamente perché lavorava solo una pompa su cinque (le altre quattro potrebbero esser state danneggiate dall’esplosione verificatasi nel vicino reattore numero 3). Adesso il timore è di un’esplosione al reattore numero due, Come già avvenuto al numero uno e tre: per evitare l’esplosione di idrogeno, la Tepco ha annunciato che cercherà di praticare un foro nel muro dell’edificio che ospita il reattore per far fuoriuscire l’idrogeno; la società ha anche iniziato a depressurizzare la vasca di contenimento del reattore numero due, facendo fuoriuscire vapore radioattivo.
  • 15.50 – Contaminati da radiazioni 17 marinai americani
  • 16.22 – Fukushima: Barre nucleari di nuovo totalmente esposte. Inizia la fusione del nucleo. Le barre di combustibile del reattore 2 della centrale di Fukushima sono di nuovo completamente esposte, dopo che il livello dell’acqua è sceso.  “Ciò indica una situazione critica e l’inizio di fusione del nucleo”: Lo ha reso noto la Tepco. Intanto Il Giappone ha chiesto ufficialmente aiuto all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) di inviare un team di esperti per aiutare le autorità locali a fronteggiare la crisi nucleare scatenata dal terremoto e dallo tsunami di venerdì. Lo ha rivelato il direttore dell’Aiea Yukiya Amano said Monday.
Annunci
commenti
  1. Giuseppe ha detto:

    T’adda scatta mbacc!!! e t’anna cadè i pall!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...