E che CASMS!

Pubblicato: 12 novembre 2010 in > The best of Chi-Quadro <, Res Publica, Sport
fonte foto: forza-parma.blogautore.repubblica.it

Stiamo veramente raschiando il fondo.

Sono rimasto di sasso quando ho sentito che, per la partita Parma-Sampdoria, è stata vietata la vendita dei biglietti ai tifosi liguri. Le due tifoserie infatti sono gemellate da venticinque anni, e la partita è sempre stata sinonimo di convivialità e fraterna amicizia. Non si riesce a capire perché il CASMS abbia vietato la trasferta ai doriani.

O meglio, non si riesce a capire se si fa funzionare il cervello come sanno fare le persone “normali”. Si dice che tutte le limitazioni alla libertà personale, tra le quali la tessera del tifoso e tutte le restrizioni che di domenica in domenica vengono sciorinate dall’Osservatorio Nazionale, sono un piccolo prezzo da pagare se si vogliono stadi sicuri. Bene. Allora perché vietare una domenica di festa tra tifoserie?

Se vietassero alle persone di andare in casa delle persone con cui hanno cattivi rapporti, diciamo che per certi versi sarebbe una decisione che si potrebbe anche capire, nonostante questa limiti la mia libertà in maniera evidente. Ma se, con la scusa di ridurre la violenza, mi vietano anche di andare a casa del mio migliore amico, beh, scusatemi, ma a me girano davvero le palle.

Qual è il vero fine di queste manovre del Governo? Qual è il vero scopo che la banda di leghisti e caimani vuole raggiungere? Il calcio a pagamento ha registrato degli aumenti di incasso mostruosi negli ultimi anni, e, in particolare quest’anno, il numero di abbonamenti a Sky o a Mediaset Premium (Mediaset… Mediaset… Mediaset… questo nome non mi è nuovo, mi ricorda qualcuno) è già oltre ogni record pregresso.

Io vedo due obbiettivi, spartiti tra le due anime di questo Governo. L’obbiettivo politico della Lega e del ministro Maroni, ovvero quello di mostrare uno Stato “forte” (coi manganelli) al proprio elettorato ignorante, che pensa che sia lo stadio il problema del paese. L’obbiettivo meramente economico di Berlusconi, invece, cioè quello di far guadagnare quanti più soldi possibili alle sue aziende e ai soliti amici.

Piano piano stanno allontanando la gente dagli stadi per farle accomodare comodamente sulla poltrona a vedere la TV. Sempre incollati alla TV, con le sue pubblicità, le sue manipolazioni e la sua propaganda. E guardate un po’ chi è il proprietario, più o meno ufficiale, delle maggiori reti televisive italiane. Non iniziate a pensare che ci possa essere un collegamento? Non iniziate a vedere il sottile filo rosso che lega i numerosi provvedimenti e le infinite leggi che la banda del caimano ha fatto in questi anni?

Il ministro Maroni e le sue politiche sono ormai indifendibili. Hanno fatto la “Tessera del Tifoso”, hanno vietato le trasferte “calde”, hanno limitato la nostra libertà in cambio di una fantomatica maggiore “protezione”, ma perché allora vengono vietate anche cose che non sono minimamente a rischio? Se non è malafede può essere soltanto incompetenza. Sinceramente preferisco pagare (perché li paghiamo noi questi tizi) un incompetente che un colluso o un corrotto. Almeno sbagliare è umano.

Il vero problema è che non c’è nessuno all’orizzonte che possa veramente rilanciare questo Paese e cancellare, con coraggio, le maialate di questa “Seconda Repubblica”. Cosa possiamo fare? Ci rimane solo il nostro voto: usiamolo con coscienza.

Annunci
commenti
  1. lucad ha detto:

    Se ti interessa ieri all’ingresso hanno manganellato tifosi a caso. Spero anche tanti leghisti

    Vai sul sito della gazzetta per saperne di più

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...